BRUNELLO E ROSSO DI MONTALCINO AL VINITALY PER UN PRIMATO CHE BATTE LA CRISI

Dopo l’accoglienza positiva delle annate 2009 e 2012


Lunedì 7 aprile il grande rosso toscano e il Consorzio del Franciacorta, per la prima volta insieme, presentano l’accordo di promozione all’estero

 

Montalcino, 03 aprile 2014 – Il grande rosso che non conosce crisi arriva al Vinitaly con 67 aziende per confermare il momento positivo e presentare i nuovi progetti. Il primo lo vede impegnato insieme a un altro dei marchi più importanti dell’enologia italiana: il Franciacorta. Lunedì 7 aprile alle 12 al PalaExpo - Padiglione Lombardia i due Consorzio presenteranno le azioni sinergiche e complementari di promozione all’estero.

 

Per il Presidente Fabrizio Bindocci «è un accordo importante che ci vede impegnati per la prima volta insieme nell’unire forze e competenze in una strategia comune. Credo che, al di là delle “caratteristiche enologiche”, siano molti gli elementi che ci accomunano con il Franciacorta: i produttori di entrambi i territorio hanno saputo investire nei mercati giusti e proporre un prodotto riconoscibile. A ciò si deve aggiungere l’esperienza e la capacità dei produttori  che nel tempo hanno trasformato la forza del territorio e la sua tipicità in un sistema unico ed  irripetibile. Così questi due brand sono diventanti dei modelli vincenti».

 

Il giorno successivo, alle 15, lo stand del Consorzio (Padiglione 9, B6) accoglierà anche un altro appuntamento importante: la presentazione del Premio Giulio Gambelli 2015, conferito al miglior enologo italiano under 35 dell'anno dall’ASET – Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana) e dal network di blogger IGP – I Giovani Promettenti.  Il premio, istituito nel 2012 in memoria del grande maestro del Sangiovese, viene attribuito ogni anno in occasione delle anteprime dei grandi consorzi vitivinicoli toscani e, nel 2015, sarà il turno del Consorzio del Brunello.

 

Ma il vero, grande e unico protagonista di questa edizione del Vinitaly sarà ovviamente il vino: in degustazione le annate 2009 del Brunello e la Riserva 2008, il 2012 del Rosso, il Moscadello e il Sant’Antimo.

 

Il 2009 è un Brunello elegante, piacevole e con tannini morbidi, adatto a rispondere alle richieste di un mercato che si rivolge sempre più alla qualità. I vini - presentati ufficialmente a febbraio durante Benvenuto Brunello - hanno già fatto il giro del mondo e degustati da esperti sommelier, enologi, giornalisti ed appassionati. Il Consorzio è infatti volato prima a New York e Los Angeles, poi a Toronto e Montréal e infine al ProWein di Düsseldorf, ottenendo grandi riconoscimenti da parte degli esperti che hanno assaggiato le annate immesse sul mercato.

 

Il Brunello 2009 è stravaganza …” ha commentato Jeff Porter, Wine Director dei ristoranti di Joe e Lidia Bastianich di New York quando ha assaggiato l’annata 2009 nell’anteprima americana di Benvenuto Brunello. Dal Canada sono arrivati i commenti di Igor Ryjenkov, primo Master of Wine del Canada e attualmente consulente per LCBO (Monopolio dell’Ontario): “c’è grande interesse per il Brunello tra i consumatori, conoscitori e appassionati di questo vino, già confermato sul mercato. Si tratta di un prodotto prestigioso, rispettato sui mercati” e di Romain Gruson, Presidente dell’associazione sommelier Canada: “i Brunello assaggiati sono eleganti ed equilibrati, con aromi di frutta, tannini integrati e finale lungo”. 

 

Anche il Rosso di Montalcino sta confermando il suo momento d’oro, puntando sulla forte personalità e prontezza nella bevibilità, che lo configurano come un altro grande rosso toscano. È un vino che unisce complessità e “istinto”, capace di valorizzare le caratteristiche del sangiovese, declinate in una veste più “giovanile” e versatile, molto adatta anche alla ristorazione. 

 

Il vino è quindi per il territorio un volano di crescita imprenditoriale ed economica e un attrattore di investimenti, sia interno sia esterni, e i numeri lo dimostrano: 67% di export nel 2013, con gli USA passati dal 25% al 28%. In crescita anche il giro d’affari del settore enoturistico a Montalcino (ristoranti, alberghi, enoteche, ecc.), che ha chiuso il 2013 con un +5% (oltre 30 milioni nel 2013). + 6% anche delle presenze di turisti nel 2013, sia italiani sia stranieri.